La raccolta 2018 è terminata

Siamo a gennaio ed è ormai tempo di raccontare come è andata la campagna olearia 2018/2019.
Contrariamente a quanto è avvenuto nelle regioni del sud Italia, dove le stime parlano di circa un -50% (Dati ISMEA), la raccolta è stata abbondante dopo un 2017 assai magro. Un’annata per noi record, più in generale, memorabile per l’olio piemontese.
Anche se il tempo non ci ha accompagnato le olive erano sane e bellissime e ci sentiamo di dire di aver nuovamente vinto la sfida. Il nostro frantoio ha lavorato per un lungo periodo, tra fine ottobre e metà novembre, anche se la pioggia e le condizioni di temperatura avverse hanno rallentato molto e reso più faticoso il lavoro di raccolta. Il profumo che si sprigionava nel nostro laboratorio durante la frangitura, il quale persiste ancora per giorni una volta terminate le lavorazioni, ci ha sicuramente ripagato lo sforzo.

Anche quest’anno la qualità di BESUC non ci ha deluso, sia per caratteristiche chimiche (come l’acitidà al 0,2%) sia per caratteristiche organolettiche, complici la tempestiva molitura entro poche ora dalla raccolta e la buona qualità delle olive. La grande produzione della cultivar ‘Leccino’, accompagnata da quella di altre varietà come ‘Nocellara del Belice’, ‘Pendolino’, ‘Moraiolo’ e ‘Frantoio’ ci hanno donato un olio fresco, con sentori delicati ed erbacei di pomodoro verde, banana e con profumi che solo le olive fresche sanno ricordare. BESUC ha già decantato per diverse settimane e dopo un essenziale travaso per la rimozione delle morchie riposa ora nei nostri silos di acciaio inox e sottovuoto, pronto per raggiungere le vostre tavole. Vi aspettiamo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *